Il trading online

Chi non ha mai sentito parlare di trading online? Probabilmente nessuno perché oggi la maggior parte delle persone, almeno una volta nella vita, ha provato a fare investimenti online. Ecco cosa c’è da sapere prima di iniziare.

Spesso la casella di posta elettronica è inondata di e-mail in cui si viene invitati a fare trading on line e si portano esempi di persone diventate in breve tempo ricche. Questa tipologia di comunicazione ha portato molti a credere che il trading online fosse una sorta di gioco, in realtà proprio questa considerazione porta molti a perdere subito soldi e sentirsi truffati.

Il trading online è un vero e proprio investimento nei mercati finanziari, non deve trarre in inganno il fatto che sia accessibile da un computer, o altro dispositivo connesso ad internet, e che sia aperto 24 ore al giorno per 5 giorni la settimana. Per avere guadagni è necessario prevedere il futuro andamento del valore del sottostante e questa è un’elaborazione che richiede una certa conoscenza dei mercati e non si può improvvisare.

È vero che rispetto ai mercati tradizionali offre maggiori opportunità, infatti, non è necessario un investimento iniziale elevato, ciò perché non si opera nel mercato primario, ma nel mercato dei derivati. Di conseguenza non è necessario comprare pacchetti azionari o lingotti per investire, ma semplicemente si investe sul rialzo o ribasso del prezzo. L’ulteriore vantaggio rispetto agli investimenti nel mercato primario è dato dal fatto che è possibile guadagnare anche nel caso di perdita di valore del sottostante, l’importante è fare la giusta previsione.

I mercati in cui operare sono diversi, il più conosciuto è il forex o mercato delle valute, ma per chi preferisce investire in azioni è disponibile il mercato dei CFD, o Contract For Difference. Chi vuole investire in azioni può anche scegliere il mercato degli indici azionari, infine, è possibile investire nelle materie prime. Quest’ultimo è il più innovativo perché permette di investire anche nelle materie prime alimentari come grano, mais, caffè, cacao.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *