Alluce valgo

Alluce valgo, è sempre ora dell’intervento chirurgico? O si può fare qualcosa per correggere la deformità e restituire all’alluce il suo aspetto usuale? Fare alcuni esercizi o indossare tutori e separatori può essere utile? Ne parliamo con il dottor Leonardo Maradei, responsabile di Unità Operativa di Chirurgia del piede e mininvasiva dell’ospedale Humanitas.

Per predisposizione familiare, per la presenza di alcune patologie come l’artrite o anche per aver seguito cattive abitudini, uno o entrambi i piedi possono essere interessati dalla comparsa dell’alluce valgo. Il disturbo è dovuto alla deviazione laterale della base del primo dito che fa sì che l’alluce si avvicini troppo o si sovrapponga al dito vicino.

Tra le cause che fanno sviluppare alluce valgo c’è sicuramente l’uso di scarpe con punte strette e tacchi vertiginosi o troppo piccole, tutti tipi di calzature che alterano la postura del piede e comprimono le dita. Pertanto, sebbene possa colpire indifferentemente uomini e donne, in queste ultime si manifesta con maggiore frequenza, soprattutto in età più avanzata.

Quella protuberanza lungo il profilo interno del piede, comunemente chiamata “cipolla”, non è dunque solo un inestetismo ma una vera e propria alterazione dell’anatomia del piede che può infiammare e provocare dolore.

Cosa si può fare per il trattamento dell’alluce valgo?

Esercizi, un tutore alluce valgo, separatori e altre strategie per alleviare il dolore sono utili o la chirurgia è l’esito inevitabile? «L’alluce valgo si può curare definitivamente solo con l’intervento chirurgico in grado di correggere la deviazione del metatarso. Tutti gli altri rimedi sono solo sintomatici: se l’alluce valgo deve peggiorare lo farà indipendentemente dal ricorso a questi presidi», spiega il dottor Maradei.

Quali sono questi rimedi? Si può cominciare con l’indossare scarpe più comode, con un leggero rialzo sul tacco e con la punta arrotondata, così come mantenere un peso nella norma per evitare il sovraccarico sulle articolazioni. «I tutori per alluce valgo, i divaricatori da inserire tra il primo e il secondo dito, le protezioni possono aiutare ad alleggerire la tensione sui tessuti molli del piede che è la causa della sintomatologia tipica di questa condizione. Se ad esempio si indossano di notte, per 8 ore, al mattino si avvertirà meno dolore, la tensione sarà ridotta ma non si potrà pensare di aver risolto il problema alla radice».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *